Aggiornamenti marzolini

È FINALMENTE MARZO E IL GIOCO È PRO

grumpyno

Per chi non sapeva che Misantropia sarebbe dovuto uscire a marzo: dimenticate la prima parte di questa frase, gettate la mail e tornate alle vostre gioiose vite ricche di puntualità e aspettative mai deluse.

Per chi sperava che a giorni una procace fattorina poco vestita o un baldanzoso fattorino muscoloso recapitasse una copia di Misantropia davanti alla loro porta… beh, ci sono un po’ di novità scomode.

Non so voi, ma a me le brutte notizie piace sentirle tutte insieme, così poi uno ha il tempo per disperarsi come si conviene, quindi ecco qua: questa è la mail che non avrei mai voluto scrivere, e cioè quella dove annuncio che il gioco non è ancora pronto.

fayl
​Com’è possibile, chiederete voi?
Eh, sinceramente me lo chiedo pure io.
Come sapete, dato che molti di voi stanno giocando con il Print&Play da quando abbiamo fatto la campagna crowdfunding, o anche prima, il gioco in sé è fatto e finito.
Ci sono alcune piccole modifiche (per esempio sono state tolte le carte carattere), ma per il resto è rimasto pressoché invariato.

Come molti sanno, Daw scrive e disegna un bimestrale per Panini, “A come Ignoranza” – che è anche il suo progetto principale – ed è ovvio che si occupi prima di quello e poi del resto, tra cui Misantropia.
Dopo aver consegnato la prima cinquantina di carte (su più di duecento, come sapete) è rimasto fermo un bel po’.
A giorni dovrebbe consegnare “A come Ignoranza” n.11 e da lunedì 7 marzo dovrebbe tornare operativo.
A questo si aggiungono anche alcuni problemi con il comparto grafico, che stanno ulteriormente rallentando il completamento del progetto.

Veniamo quindi al nocciolo: quando c**** esce ‘sto gioco di m****?

Io e l’editore Cosplayou (conosciuti anche come “i due Franceschi”) stiamo facendo davvero tutto il possibile per consegnarvi il gioco entro l’estate.
Se la primavera porterà nuove energie nei cuori e nelle menti, potremmo riuscire a chiudere il tutto verso giugno, non sarebbe male, no?
Se l’amore non basterà, dovremmo comunque farcela per luglio/agosto, e in nessun caso permetterò al gioco di uscire più tardi del Lucca Comics, al costo di stamparlo con carte senza illustrazione che vi farò avere in un secondo momento, a mie spese (ma è davvero l’ultima delle possibilità).

Bene, questa era l’amara pillola. Vi lascio qualche riga per incazzarvi un po’.
Imprecate, tirate un pugno sulla scrivania, ribaltate una pila di fogli, guardate malissimo senza motivo una persona di passaggio.

Meglio? Ok, ecco le cose fighe.

PRODUZIONE

Grazie all’apporto favoloso del nostro sopraggiunto editore, Cosplayou, siamo riusciti a migliorare ulteriormente il contenuto già ricco della scatola.

Misantropia avrà ottime carte professionali da 320 grammi (belle spesse e robuste), dei segnalini Misantropia più grandi, sacchettini per raccoglierli, un inlay interno a colori e persino un piccolo panno di feltro per cancellare le scritte fatte sul tabellone con il pennarello!

ILLUSTRAZIONI

Lo so che sembra una frase paraculo, ma vi assicuro che varrà la pena aspettare le illustrazioni di Daw, perché sta davvero facendo delle cose geniali. Non ci aspettavamo niente di meno, ma in alcuni casi ci ha davvero sorpreso. Eccovi in anteprima alcune delle illustrazioni, giudicate da voi.

falegname cassiere supermarket furto portafogli

GRAFICA

Al momento abbiamo delle versioni semi-definitive delle carte e del tabellone.
A questo riguardo ci interessa molto il vostro parere, soprattutto sulla grafica delle carte: che ne pensate? Ogni commento è prezioso, quindi se vi va di scrivere due righe sulle cose che vi piacciono e/o non vi piacciono, ci dareste un grande aiuto.

Carta Animatore

LIBRO

Immagino che non sia la cosa che state aspettando con più ansia, però, in tutto questo, il libro su Misantropia è praticamente finito ed è una figata.
Si è occupata dell’impaginazione e della grafica (e della copertina) l’eccezionale Giulia D’Urso (che sta dando anche una mano a Daw per la colorazione delle carte).
Nei prossimi giorni faremo gli ultimi ritocchi e revisioni, dopodiché vi sarà immediatamente spedito in versione digitale, ovviamente a chi tocca, cioè i sostenitori che hanno donato almeno 35€.
Almeno avrete qualcosa da leggere mentre aspettate il gioco, eh? Ecco qualche anteprima.

libro1

libro2

MODENA PLAY E ALTRE FIERE

Sempre grazie a Cosplayou, vi annunciamo che saremo al Modena Play 2016, il 2 e 3 aprile, con un prototipo aggiornato di Misantropia. Si spera di riuscire a farne uno con la grafica semi-definitiva che avete visto più su, e le illustrazioni delle carte fatte finora.
Il prototipo sarà disponibile per il gioco libero presso lo stand Cosplayou entrambi i giorni, mentre se avete voglia di offendermi di persona, io sarò presente sicuramente domenica (ma forse anche sabato, vediamo…)
Cosplayou si porterà poi dietro il prototipo anche alle altre fiere, la più vicina delle quali è Cartoomics la settimana successiva al Play, cioè 11 e 13 marzo. Al Cartoomics sarà presente anche Daw, allo stand Panini (e se riusciamo a convincerlo, magari anche a quello di Cosplayou).
Per le informazioni più precise e cambi dell’ultimo minuto, seguite la pagina Facebook di Misantropia.

E que-que-questo è tutto, amici misantropi.
Mi spiace non avervi potuto mandare una mail diversa, ma come leggerete nel libro che vi arriverà tra poco, queste faccende sono regolate direttamente dalla teoria del caos e dalla legge di Murphy, ovvero: più un sistema è complesso, più è imprevedibile – e – tutto ciò che potrà andare male, lo farà.
D’altronde siamo misantropi, e non ci potevamo aspettare niente di meno.

Con affetto e frustrazione,
Francesco, l’autore di Misantropia.

Annunci

Aggiornamenti post campagna

Ciao misantropazzi!

Su queste pagine non ci leggiamo dalla fine della campagna, ma spero che seguiate anche la pagina facebook e le varie comunicazioni spedite ai donatori, per sapere che non siamo spariti con i soldi!

Prima di tutto, un doveroso aggiornamento: sia Daw che il grafico stanno lavorando. Speriamo di potervi far vedere qualcosa di semi-definitivo nelle prossime settimane. Intanto, ecco alcune illustrazioni… Riuscite a identificare le carte a cui sono associate? ^__^

daw1 daw2

Riguardo la produzione vera e propria del gioco, ci sono buone notizie: abbiamo ricevuto dei nuovi preventivi che ci hanno permesso (grazie ovviamente anche ai soldini extra che avete donato) di migliorare i materiali. Salvo cambiamenti imprevisti dell’ultima ora, quindi, le carte di Misantropia saranno stampate su un’ottima carta telata a 320g! Avete presente Munchkin? Ecco, non c’entra niente, perché quelle non sono carte telate! Bang? Nemmeno! La carta telata è quella che trovate su quasi tutti gli elementi in cartone dei giochi in scatola, o sulle carte di giochi come Space Hulk: Death Angels e Descent. Ottima qualità, piacevoli al tatto, e bruciano benissimo nel camino!

Banner Lucca 2015

Discorso Lucca Comics: il gioco sarà disponibile presso la ludoteca centrale dell’Area Games (padiglione Carducci, quello all’esterno delle mura), che anche quest’anno è gestita dal gruppo ludico Chi non gioca di non tocca e le altre associazioni che organizzano anche il FirenzeGioca.

Ci sarà una copia dell’ultima versione Print&Play e anche una copia della nuova beta fiammante, munita del nuovo sistema per la gestione delle fobie critiche.
Le copie saranno a disposizione tutti i giorni, non-stop!

Ovviamente, come raccomando sempre, non mancate di andare anche a trovare Daw, allo stand Panini, e importunarlo chiedendogli a che punto è con le carte di Misantropia. ^__^

Sheep HappensVi rubo infine un po’ di tempo per segnalarvi Sheep Happens, un gioco di carte molto simpatico inventato da un gruppo di ragazzi italiani, che come noi hanno intrapreso l’avventura del crowdfunding. Visitate la pagina della campagna su Kickstarter per dare un’occhiata e magari contribuire. Sheep Happens sarà anche a Lucca comics, sempre nell’area games, quindi non perdete l’occasione di provarlo!

 

Aggiornamento dovuto

DawavatarSo cosa state pensando.

“Quando ***** esce questo gioco di *****?!”

Non negate di aver pronunciato anche le riprovevoli parole qui coperte da dei borghesi asterischi. Io vi conosco. Siamo uguali, io e voi.

Non che vi abbia mai fatto promesse, eh. Un misantropo è un tipo cauto, perché il pericolo si cela dietro agli occhi di chiunque e di qualunque cosa (anche quelle che non hanno gli occhi), pertanto fin dalla prima versione di questo sito ho parlato in maniera molto vaga di una campagna crowdfunding che si sarebbe potuta fare dalle parti di ottobre.

E la stavo per fare, eh, giuro. Ma poi sono accadute alcune cose che mi hanno spinto a rimandare per vedere se riuscivo a fare qualcosa di più bellino e professionale. Perché diciamolo chiaramente: mettere su una campagna di raccolta fondi su internet per produrre un gioco in scatola, produrre effettivamente il suddetto gioco e poi spedire tutte le copie a voi bastardi amati sostenitori non è esattamente come bersi un bicchier d’acqua. Non parliamo poi del dopo: distribuzione, promozione, gestione di tutte le menate i giusti suggerimenti di voi cacacazzi giusti utenti del prodotto finale… E poi il sito, il forum, le groupies, i diritti cinematografici per il mio biopic, la conquista del mondo…

Semplicemente, mi sono guardato negli occhi (usando uno specchio) e mi sono detto che FORSE avevo bisogno di una manina.

Chi mi ha dato (e mi sta dando) questa manina ancora non ve lo dico gnegnegne.
Epperò ricevere questa manina mi ha ovviamente obbligato a sospendere momentaneamente tutto il mio piano da scienziato pazzo e rimandarlo di qualche mese.

QUALCHE mese.

qualche
[quàl-che]
A agg. indef. m. e f.
indica una quantità o un’entità indeterminata e limitata.

Vabbene? Non lo so quanti. Un po’. Magari ci vuole pure di più di quanto penso io, non lo so, sicché ecco, prendiamoci una pausa, ok? No che non ci stiamo lasciando, tesori, ho solo bisogno di pensare, prendermi una pausa, ritrovare i miei spazi. Vediamoci pure con altre persone, va bene?

Uscite, andate al cinema, leggete un libro, riproducetevi nonostante le condizioni socio-economico-culturali esterne non siano favorevoli senza riflettere eccessivamente sul futuro della vostra famiglia, sistemate il giardino, date da mangiare ai poveri, festeggiate il natale, capodanno e la befana, uccidetevi l’un l’altro senza motivo apparente e guardatevi Un giorno di ordinaria follia per quattordici volte di fila. Insomma, fate quello che fanno le persone normali – qualunque cosa sia, non ne ho idea, ‘sta roba l’ho trovata con la pagina random di wikipedia.

Nel frattempo, vanno ancora avanti le iniziative organizzate finora: abbiamo diversi locali in buona parte d’Italia in cui c’è una copia Print&Play della versione corrente del gioco (che non è l’ultima), e se mi scrivete parlandomi con il cuore in mano dei vostri sentimenti più profondi si può discutere di autorizzare altri locali in altre città. Per esempio Pescara. Che ne dite di Pescara? BAM! Pescara servita.

Riassunto veloce per chi non legge mai i post più lunghi di tre righe, e che userò come descrizione del post su Facebook: il gioco si fa; non sono ancora sicuro di come ma si fa; la campagna potrebbe esserci, non esserci o esserci in forme diverse dalle canoniche; non vi aspettate notizie prima delle feste, quindi spendete pure i vostri sudati risparmi per comprare paccottiglia inutile alle persone che credete siano vostri amici; mandate richieste per avere il gioco nella vostra città, nuovo acquisto: Pescara; aspettate ulteriori nuove; ciao.

PS: spammate ancora questo sito, la pagina FB e lo spot, che più ci facciamo conoscere meglio è.
PPS: scemo chi legge.